Durata: ottobre 2016 – luglio 2017

AMeC, Associazione Medicina e Complessità, presidente Fabio Burigana, iscritta al n°18 nel registro regionale delle associazioni di promozione sociale della regione FVG, con sede in via Malcanton 4, 34121 Treiste (TS) - tel. 040 3481631, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. intende organizzare attività e servizi di volontariato rivolti al miglioramento della qualità della vita di persone in difficoltà.

Premessa
AMeC (Associazione Medicina e Complessità) si è proposta fin dalla sua fondazione di affrontare il tema della salute utilizzando un approccio scientifico basato sul riconoscimento della complessità della natura e del comportamento umano. Ne è derivata la convinzione che per realizzare una migliore qualità di vita, libertà e ben-essere per tutti debbano essere ricercate idee e prassi innovative, mettendo in comunicazione coerente fra loro discipline e operatori con storie e metodi profondamente diversi, ma uniti dalla ricerca dell’armonia.

Si tratta di un cambiamento di paradigma, un “salto quantico”, un passaggio ad un livello significativamente superiore del pensiero, un’apertura della mente verso nuove concezioni dell'uomo e del mondo, che preludono a possibili ipotesi innovative di prevenzione, aiuto e cura delle persone in difficoltà.

È in tale contesto che AMEC ha organizzato numerosi eventi e attività di ricerca con l’attiva partecipazione di fisici, chimici, medici, fisioterapisti, osteopati, psicologi, sociologi, ma anche artisti e filosofi.

Ora con questa iniziativa l’attenzione si sposta anche a chi svolge attività di volontariato.

Volontario, come noto, è chi liberamente, non in esecuzione di specifici obblighi morali o doveri giuridici, ispira la sua vita ai fini di solidarietà sociale. Pertanto, adempiuti i suoi doveri familiari, professionali, politici o sindacali, mette a disposizione della comunità se stesso, le sue capacità, i mezzi che possiede, il suo tempo, gratuitamente e disinteressatamente. La sua attività tende a dare una risposta creativa ai bisogni emergenti dal territorio con attenzione prioritaria per i poveri, gli emarginati, i senza potere, in collaborazione con le pubbliche istituzioni e le forze sociali. Si può svolgere tale attività singolarmente, ma più frequentemente viene realizzata attraverso aggregazioni non-formali (associazioni non riconosciute) oppure in organizzazioni non-profit formali.

Gli organismi di volontariato nella Regione Friuli Venezia Giulia sono molteplici, come molteplici sono le relazioni che tali organismi e i volontari stabiliscono fra loro, con l’utenza e con le istituzioni pubbliche. Si tratta di un campo caratterizzato quindi dalla “complessità”, che richiede ovviamente un pensiero “complesso” per la sua analisi.

AMEC ritiene che l’attività di volontariato produca effetti positivi sia per chi dona spontaneamente e gratuitamente parte del suo tempo e delle sue capacità, sia per chi si avvale di tale attività per affrontare le proprie difficoltà esistenziali. In ultima analisi ne deriverebbe un miglioramento del “ben-essere” per entrambi i soggetti, che può ben definirsi “donoterapia”. Perché ciò avvenga è tuttavia necessario che venga posta attenzione, in un’ottica sistemico-relazionale, al processo che collega chi ha bisogno con chi è disposto a donare.

Obiettivi del progetto
Analisi della situazione attuale del volontariato nella regione Friuli Venezia Giulia e, in particolare nei Comuni di Trieste e Muggia, secondo l’ottica sistemico-relazionale. 

Individuazione delle aree di bisogno verso le quali orientare l’attività di volontariato: aree territoriali nelle quali sono già in corso progetti sociali e sociosanitari di prevenzione e miglioramento della qualità di vita, strutture residenziali per anziani e per persone in condizioni di disabilità, centri diurni e centri di accoglienza per donne vittime di violenza, anziani e persone in condizioni di marginalità sociale ecc.

Reperimento e formazione di nuovi volontari

Promozione di gruppi di volontariato per favorire la coerenza e l’armonia degli interventi

Enti coinvolti
- Comune di Trieste
- Comune di Muggia
- Comune di Duino Aurisina
- Azienda assistenza sanitaria triestina, in particolare i servizi collegati alle "Microaree"
- Itis di Trieste
- Università degli Studi di Trieste (per tirocini e tesi)
- TriesteAltruista
- Auxilia
- Regione Friuli Venezia Giulia, Servizio volontariato

Enti da coinvolgere
- Associazione Kairos
- Associazione Basaglia
- Associazione De Banfield
- Caritas
- Eventuali altri

Attività ed eventi da realizzare
- Convegno a ottobre, per una riflessione condivisa sulla situazione attuale del volontariato nella regione Friuli Venezia Giulia e, in particolare nei Comuni di Trieste, Muggia e Duino, secondo l’ottica sistemico-relazionale

- Avvio della rilevazione degli organismi di volontariato:ottobre-dicembre 2016

- Sensibilizzazione per il reperimento di nuovi volontari: gennaio 2017

- Avvio di corsi di formazione per volontari: febbraio 2017

- Individuazione di bisogni scoperti verso cui potrebbero orientarsi i volontari: febbraio-marzo 2017

- Incontri mensili di riflessione sull’attività svolta: da marzo in poi

Risorse umane (non retribuite) impegnate nel progetto
Gruppo di progetto: Fabio Burigana, Maurizio Cannarozzo, Marinella Baracchini, Roberta Zorovini, Raffaello Maggian

Referente del progetto: Raffaello Maggian

Studenti tirocinanti del corso di laurea in servizio sociale, sulla base di una convenzione fra AMeC ed Università di Trieste

Altri volontari AMeC

 


Presidente AMeC
 Dott. Fabio Burigana

 

 

Associazione di Promozione Sociale - iscrizione n° 18 al Registro Regionale APS della Regione FVG
c/o Smile Service, Via Malcanton 4 – 34121 Trieste - C. F. e P.I. 02386670307
tel.: 040 3481631 fax: 040 3487023 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.amec.eu